Un Natale in famiglia per le donne e le persone transessuali nella struttura messa a disposizione dal Municipio Roma I Centro, in zona Prati.

Esattamente ad un anno dalla sua apertura, Casa Sabotino, la struttura di accoglienza dedicata a donne e persone transessuali, gestita da Binario 95, amplia la sua offerta. Era Natale del 2020 quando un primo nucleo di otto donne ha fatto ingresso nella parte già abitabile della casa di Via Sabotino, concessa in comodato d’uso gratuito ed attivata dal Municipio Roma I Centro.

Giovedì23 dicembre 2021alle ore 15:30, alla presenza della presidente Lorenza Bonaccorsi, verrà inaugurata, in Via Sabotino, 4, l’altra ala della casa, ristrutturata e resa più funzionale. Il centro, arredato da IKEA, accoglierà fino a diciotto persone, in camere singole, doppie e triple, oltre alla grande cucina, al soggiorno comune, bagni accessibili, lavanderia e il grande spazio esterno, che si affaccia sul verde dei giardini di Prati. Un’azione di grande importanza in questo particolare momento dell’anno, realizzata in sinergia con le attività di accoglienza e protezione per persone senza dimora messe in atto dall’Assessorato alle Politiche Sociale e Salute di Roma Capitale.

Ad accompagnare le donne in difficoltà intercettate, che arrivano sole e provate dalla vita in strada, è già attiva un’equipe multidisciplinare composta da operatrici e operatori sociali, psicologhe, medici, educatrici e molti volontari che contribuiscono, con la loro presenza, ad allacciare legami con una dimensione che va oltre il disagio conosciuto. Le ospiti sono accolte in quella che a tutti gli effetti è una casa e non una semplice abitazione, dove si condividono spazi ed esperienze di vita in comunità che mutuano le relazioni all’interno della società: in famiglia, al lavoro, con gli amici.

“L’apertura di questo nuovo bellissimo spazio – afferma Lorenza Bonaccorsi, Presidente Municipio Roma I Centro – è la testimonianza che solo attraverso percorsi faticosi certamente, ma ormai imprescindibili, di co-progettazione che coinvolgano terzo settore e privati, possiamo davvero fare la differenza sui nostri territori puntando ad accogliere e soprattutto a restituire la dignità alle persone. Dare a una donna un’opportunità di rinascita significa, restituire la speranza alle nostre comunità, perché le donne che finiscono in strada non lottano solo per se stesse, ma per le loro famiglie, per le persone che amano, per tutti noi”.

“Migliorare la vita quotidiana della maggioranza delle persone è la visione che guida IKEA da sempre, a partire da quello che per noi è il posto più importante al mondo, la casa, un rifugio dove poterci sentire protetti, accolti e accettati. – dichiara Victoria Miglietti, City Manager Roma, IKEA Italia – “Crediamo infatti che tutti meritino un posto così e per questo da anni collaboriamo con associazioni e istituzioni locali per recuperare e arredare spazi inutilizzati e trasformarli in luoghi di accoglienza, promuovendo un cambiamento attraverso azioni concrete. In questo contesto, il completamento di Casa Sabotino aggiunge un tassello importante al nostro percorso, donando un posto da chiamare casa a donne e persone transgender in difficoltà, aiutandole nel loro reinserimento in Società”.

“Dignità e Diritti, sono le parole che guidano le nostre azioni – sostiene Alessandro Radicchi, fondatore di Binario 95 – con l’obiettivo che l’intervento in favore di persone che nella vita hanno incontrato difficoltà che potrebbero capitare a tutti noi, possa essere considerato un vero progetto di investimento per rendere migliori le loro vite, le nostre città ma anche noi stessi. Casa Sabotino copre inoltre un vuoto: quello dell’accoglienza delle persone transessuali, che fanno fatica ad essere integrate nelle strutture ordinarie, perché abbiamo un sistema basato su schemi vecchi e ormai superati e che dobbiamo necessariamente adeguare ai cambiamenti del tempo”.

BINARIO 95

Via Marsala, 95

00185 Roma

 

Un progetto della cooperativa sociale Europe Consulting Onlus

 

Telefono

06.44360793

Partners

Roma Capitale - Dipartimento delle Politiche Sociali, Sussidiarietà e Salute

Ferrovie dello Stato Italiane

Regione Lazio

 

 

 

 

Per le fotografie utilizzate all'interno del sito si ringraziano: Massimo Bracaglia, Marco Cavallo, Antonella De Chellis, Sara Gargiulo, Giorgio Pagliarulo, Simona Pesce,
Giovanni Sabato, Arianna Screpanti, Melissa Svenson.